Il grande successo di Run4Me

22 gennaio 2016. ANSA / MATTEO BAZZI
In questo articolo:

 

22 gennaio 2016. ANSA / MATTEO BAZZI
22 gennaio 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI

Grande successo per il primo appuntamento di RUN4ME, il programma di allenamento studiato per preparare le donne a correre la 16° edizione di Milano Marathon, (evento sportivo organizzato da RCS Sport).

Più di 250 runner si sono iscritte all’iniziativa, portando nel capoluogo milanese un’esplosione di energia, vitalità e allegria.

RUN4ME è un piano di allenamento progressivo completamente gratuito, strutturato in dieci incontri di un’ora/un’ora e mezza, dedicato al benessere e alla sicurezza di tutte le donne. Da una parte, il programma si propone di preparare le partecipanti a correre la Europ Assistance Relay Marathon, la staffetta a team di quattro persone che affianca la maratona meneghina per il settimo anno consecutivo. L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il gruppo podistico solidale Women in Run e supportata da adidas (partner tecnico di Milano Marathon per il terzo anno consecutivo), è anche una preziosa occasione per ritrovarsi, per fare squadra, per condividere un obiettivo e per scoprire la gioia di correre in totale sicurezza e serenità nella propria città. Proprio l’attenzione alla tematica della sicurezza nel running femminile ha convinto l’ex atleta azzurra Lucilla Andreucci a prendere parte attivamente al progetto: la vincitrice della prima edizione di Milano Marathon ha infatti accettato di allenare e guidare tutte le donne su un percorso a lei caro insieme a Roberto Nava, il coach ufficiale dell’iniziativa.

Il prossimo appuntamento con RUN4ME, l’onda rosa di Milano Marathon, è in programma sabato 30 gennaio, alle ore 10.00, presso adidas Runbase.

Per maggiori informazioni, per iscriversi gratuitamente al programma di training RUN4ME e per consultare il calendario completo degli allenamenti, visitate questo sito internet

22 gennaio 2016. ANSA / MATTEO BAZZI
22 gennaio 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI
22 gennaio 2016. ANSA / MATTEO BAZZI
22 gennaio 2016.
ANSA / MATTEO BAZZI