Apple Watch Series 4, stupiscimi ancora

In questo articolo:

Alcune persone mettono la testa a posto, altre si sistemano…e altre ancora rifiutano di accontentarsi di qualunque cosa che non sia una magnifica farfalla

Amo la mia città, di un amore consapevole, quello che conosce i limiti, i difetti e le mancanze eppure rimane sempre vivo. Quel tipo di sentimento che quando meno te lo aspetti, distratta come sei dal traffico e da un semaforo troppo lungo, ti ricorda il perché 17 anni fa l’hai scelta e lo rifaresti ancora. Amo la mia vita che ogni giorno si rinnova e si rimette in discussione. Amo vivere alla giornata e non programmare nulla a lungo termine che non sia una gara, accantonando i buoni propositi irrealizzabili, come quello di bere due litri di acqua al giorno o di stirare le lenzuola.

Amo rimanere connessa con il mondo proprio mentre giro per la mia città, filando veloce in motorino e cambiando scenario tra un appuntamento e l’altro. Dalle strette vie del centro storico ai grattacieli, da China Town alle vie della moda. Ma amo ancora di più correre a piedi per le strade del mio quartiere, per la certezza dell’alba autunnale che si riflette sul Naviglio Grande facendo diventare l’acqua rosa, per l’odore di pollo arrosto passando dal mercato di via Vespri Siciliani, per il bellissimo angolo di San Cristoforo con la sua chiesa, che ogni volta pone fine alla mia fatica, per la birra post allenamento con i compagni di sempre, per i tramonti del Lorenteggio e il Monte Rosa che scorgo da lontano in quell’angolo di cielo ritagliato dalla mia finestra.

Apple Watch Series 4

Amo il mio nuovo Apple Watch Series 4 che, esattamente come Milano, è in continuo cambiamento, diventando sempre più elegante ed evoluto. Con un display più grande di 2 mm rispetto al precedente modello (io uso il 40 mm ma c’è anche il 44 mm), lo schermo, sul quale posso impostare fino a 8 complicazioni, è più grande, e il testo ha una migliore visibilità, così come le watchfaces che sfruttano meglio la superficie a disposizione. Il colore oro e il display più sottile, insieme agli angoli stondati, danno un tocco di finezza in più.

Fermo restando che le cose più importanti le fa “notare” con un leggero colpetto al polso (non la vibrazione), mentre giro in motorino per le vie delle città e lo smartphone è in qualche angolo nella borsa, dal mio orologio vedo tutte le informazioni che mi servono, mi basta rivolgere il polso ai miei occhi una volta sola per illuminare il display. Le notifiche delle mie app preferite, le email, ma solo quelle importanti, la strada da seguire se il navigatore dell’iPhone è attivo. Le chiamate in entrata a cui rispondere con un “ti richiamo”, sempre direttamente dal polso, con un microfono davvero molto migliorato rispetto al Series 3.

Sempre più indipendente dallo smartphone, l’ultima versione LTE  assicura la connessione al mondo tramite una sim virtuale (per ora attivabile solo con Vodafone e mantenendo lo stesso numero). Ciò vuol dire che in assenza di connessione Bluetooth o Wi-Fi possiamo utilizzare la rete cellulare per inviare e ricevere chiamate vocali, messaggi, email e notifiche dalle varie applicazioni. Possiamo quindi pensare di uscire ad allenarci senza telefono e rimanere reperibili in casi di urgenze. A tal proposito il nuovo modello comprende anche il rilevamento delle cadute, agganciandosi a un numero di emergenza in caso di bisogno. In allenamento le prestazioni a livello di GPS e rilevamento battito rimangono precise ma in questa versione il blocco automatico del conteggio dati ogni volta che si fa una pausa è immediato, e riprende automaticamente quando ripartiamo con l’attività fisica. Rispetto al modello precedente sono state aggiunte le attività yoga e trekking, mentre per quanto riguarda la corsa è possibile impostare l’allenamento per obiettivo, distanza, tempo. Impostando il ritmo medio al chilometro, l’orologio avvisa quando si è al di sopra o al di sotto del valore. L’interfaccia delle Activity con i famosi tre anelli giornalieri da chiudere (guarda qui) è più completa, con i risultati dettagliati direttamente visibili  dal Watch e, naturalmente, anche dalla app dedicata dove si può avere anche la cronologia completa, le medaglie vinte e le sfide con gli amici.

Disponibile qui