Ekirun, l’unione ha fatto la forza

26 September. ANSA / MATTEO BAZZI

Sarà che l’Arena Civica di Milano è un luogo davvero emozionante per iniziare e concludere una gara, come quando passi sotto l’imponente porta principale dell’anfiteatro e entri nella pista dando tutto quello che hai nel fiato e nelle gambe (e nell’anima) per concludere dignitosamente la tua parte.

Sarà perché l’atmosfera era quella della prima volta per tutti, sarà perché in quella maratona divisa in 6 frazioni, i runner presenti, sia professionisti che principianti hanno voluto e potuto dare il meglio di sé. Perché il bello di Ekirun è proprio questo: la possibilità per tutti di riscattarsi come veri podisti, i tratti più o meno brevi sono fattibili per chi non è molto allenato e sono da correre a tutta velocità per chi la affronta con spirito competitivo.

Sarà che alcuni scambi del tasuki, la fascia della tradizione giapponese che si indossa durante il percorso e la si affida al compagno una volta terminata la propria frazione, hanno dimostrato che Ekirun è molto di più di una semplice staffetta: spirito di squadra, complicità e sostegno reciproco. Questo è sicuramente l’aspetto più importante che ho personalmente e piacevolmente trovato nel gruppo con cui ho partecipato: le WIR.

Sarà per tutti questi motivi che trovarsi coinvolti in questa manifestazione podistica è stata un’esperienza unica, con i molti pregi e i pochi difetti dell’essere stata la prima edizione e quindi un esperimento per tutti, sia per chi l’ha organizzata, sia per chi ha partecipato come atleta.

Andrea Trabuio, responsabile Mass Events di RCS sport, si è ritenuto già molto soddisfatto del risultato ottenuto in questa prima edizione con le 200 squadre coinvolte di cui 37 iscritte alla gara competitiva certificata F.I.D.A.L. La strada è ben spianata per fare in modo che le edizioni a venire siano sempre meglio e coinvolgano sempre più atleti.

La ‘C.B.A. Dream Team’ si è aggiudicata la vittoria nella categoria maschile della corsa competitiva, secondo posto per la ‘GP Melzo & Friends’ e terzo posto per ‘Team International Quadri S.r.l.’. Nella categoria femminile hanno dominato il podio le squadre ‘Oliverteam Femminile 1,2,3,’

Per le squadre miste la miglior prestazione è stata quella dei ‘Podisti.net’, secondi i ‘Shinkasen’ e terzi i ‘Corro per la sacca’.

La squadra vincitrice in assoluto per simpatia e fascino? Le Women in Run con Run and the City, naturalmente.

Ci vediamo alla prossima edizione 🙂

Foto di PierPaolo Bassi
Le WOMEN IN RUN (Foto di PierPaolo Bassi)

Edenred Ekirun_partenza_1_ph.ANSA

Primo Uomo 26 September. ANSA / MATTEO BAZZI
Primo Uomo
26 September.
ANSA / MATTEO BAZZI

Versione 2

Prima donna 26 September. ANSA / MATTEO BAZZI
Prima donna
26 September.
ANSA / MATTEO BAZZI
26 September. ANSA / MATTEO BAZZI
26 September.
ANSA / MATTEO BAZZI