Negev Adventure, di corsa attraverso il deserto con Spin Rs di SCARPA

In questo articolo:

Quando ho scoperto che sarei partita per la Negev Adventure, la prima, forse seconda, cosa a cui ho pensato è stato l’outfit. “Sarò la più lenta, ma sicuramente la più ben vestita”.

Poi ho letto la voce “scarpe da trail running” nell’abbigliamento obbligatorio. What? Esisteranno rosa? Saranno instagrammabili?

Dopo il panico iniziale per fortuna sono tornata in me e le domande a cui ho cercato risposte sono state ben altre: come trovare il giusto compromesso fra pesantezza e reattività? Quale sarà il grip migliore? Quale la scarpa più ergonomica per il mio 36 scarso?

La risposta è arrivata gogglando e chiedendo consigli a chi ne sa più di me e tutti sembravano concordare. La scarpetta dei desideri sarebbe stata la Spin RS di SCARPA, un brand a me noto dall’infanzia, quando mio padre #SCARPAaddicted cercava di trascinarmi su per i sentieri di montagna. Se si fidava lui di questo brand, allora posso farlo anch’io.

E sapete una cosa? La Spin RS è stata tutto quello di cui ho avuto bisogno.

La scarpa ha sostenuto le mie caviglie nei terreni ciottolosi, donandomi stabilità e ottimo controllo su tutte le superfici. Grazie all’esoscheletro con pellicola in TPU e il sistema costruttivo SockFit LW, che permette un completo avvolgimento del piede, mi ha salvato dalla sabbia.

A farmi sentire più sicura e stabile nelle temute discese ci ha pensato l’innovativa tecnologia Vibram Litebase che, in combinazione alla mescola Vibram Megagrip, consente di ridurre drasticamente il peso della suola (fino al 30% meno sul peso complessivo della suola) senza intaccarne le performance e la durabilità.

Anche lo stile non ne ha risentito, grazie alle colorazioni dedicate alle runner così come i volumi interni, studiati sulla morfologia del piede femminile.

Altro che rose rosse, regalateci scarpe da trail running (sempre che siano come la Spin RS).

Arianna Bianchini