Tortine di kamut ai fichi e mandorle

In questo articolo:

La permanenza in Puglia mi spinge ad approfittare degli ingredienti di stagione del posto.

Seguire la stagionalità è un’abitudine che fa bene (a maggior ragione per chi pratica sport) e che aumenta l’assorbimento e i benefici dei preziosi sali minerali contenuti negli alimenti. I sali minerali sono importanti (evitano i crampi) per le funzioni muscolari ed ossee che sono sempre sotto sforzo durante l’attività sportiva.

Per la ricetta di oggi ho deciso di adoperare fichi e mandorle, due frutti che ricorrono dalla mia adolescenza e che sulla nostra tavola non sono mai mancati grazie alle preziose coltivazioni del nonno. Il fico è una delle colture più importanti del panorama agricolo pugliese ed è, per importanza, al terzo posto dopo olivo e vite. I miei fichi preferiti sono quelli scuri ma ne esistono diverse varietà, alcune adatte per il consumo fresco altre per l’essiccazione.

foto di Francesco Minonne

Se scegliamo quest’ultima tipologia dobbiamo però tenere presente che sono più calorici, i fichi freschi contengono infatti, ogni 100 grammi, circa 50 calorie contro le 249 di quelli secchi. Fonte preziosa di energia sono ricchi di vitamine, minerali e antiossidanti e possono essere consumati ogni volta che si ha bisogno di un po’ di sprint.

Nel dolce che ho preparato ho utilizzato anche le mandorle che, come i fichi, sono ricche di proprietà nutrizionali: dalle vitamine, E, A e B ai sali minerali come il magnesio, calcio, ferro, potassio, fosforo. Inoltre, la presenza di rame e manganese le rendono perfette per chi pratica attività fisica, quando l’organismo ha particolarmente bisogno di energia. Si possono consumare al naturale, come snack energetico, o tritate, ad esempio in aggiunta allo yogurt. Inoltre, con le mandorle al naturale si può preparare il latte di mandorle o la farina (se non volete acquistarla già pronta) proprio come ho fatto io, per realizzare questa e altre numerose ricette.

TORTINE AI FICHI CON LE MANDORLE

Ingredienti

3 fichi bianchi

20 g di farina di riso

40 g di farina di Kamut (io ho utilizzato la farina Lo Conte)

½ cucchiaino di lievito per dolci

60 g di farina di mandorle

2 uova

panna fresca

limoncello o altro liquore neutro a piacere

30 g di burro

80 g di zucchero semolato

zucchero a velo

Procedimento

Montate il burro ammorbidito con lo zucchero e poi unite le uova, uno per volta. Aggiungete la farina di mandorle (io fatta in casa), versate a filo 7 cucchiai di panna e infine incorporate la farina di kamut, la farina di riso e il lievito. Se volete potete profumare l’impasto aggiungendo 1 /2 cucchiai di limoncello. Lavate i fichi e tagliateli a metà. Foderate con carta da forno bagnata e strizzata 6 stampini da crostata di circa 7/8 cm di diametro e posizionate mezzo fico al centro di ognuno (attenzione, i fichi non devono sporgere, se necessario riducete ulteriormente le metà).

 

Versate l’impasto negli stampini e cuocete le tortine in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare completamente, servitele spolverizzate con zucchero a velo. La parola “KAMUT” indica una varietà di grano, prodotto e commercializzato dall’omonima azienda americana Kamut, che deriva dalla macinazione del grano Khorasan. È popolare per la sua consistenza morbida e il sapore quasi dolce e si presta alla preparazione di impasti e prodotti da forno. Nonostante l’elevato contenuto di glutine rispetto alla classica farina di grano può essere consumato da chi ha una sensibilità al glutine, purché leggera (no celiachia). Se siete a corto di energie ricordatevi inoltre che la farina di Kamut, grazie all’elevato contenuto di lipidi, è perfetta per coloro che conducono uno stile di vita molto intenso.

Vi ho convinti allora a preparare questi deliziosi dolcetti?

 

Azzurra Rossi